Preparativi

Scroll down for English version

Da alcune settimane, siamo al lavoro sui brani in un modo inedito per noi. Ci stiamo preparando per registrare, per essere sul palco in modo più comunicativo.
In queste settimane, i Radar 5:11 si sono allargati: ora a suonare siamo in 6, intorno abbiamo persone eccezionali che vogliono bene alla nostra musica. Uno di questi è Mattia, capace di far suonare le luci e le ombre fissandole sul sensore della sua camera.

Tra qualche tempo, vedremo il risultato di un breve showcase registrato al Mattatoio.

For a few weeks, we have been working on the songs in a way that is new to us. We are preparing to record, to be on stage in a more communicative way.
In recent weeks, Radar 5:11 has expanded: now we are 6 playing on stage, and other exceptional people who love our music is helping us. One of these is Mattia, capable of making lights and shadows play by fixing them using a cam.

In some time, we will see the result of a short showcase recorded at Mattatoio.

Live at Mattatoio 25th Oct 2020 – In Peppe Tizian Honor

Scroll down for English version

A Carpi, il presidio di Libera è intitolato a Peppe Tizian, vittima innocente di mafia, uomo integerrimo che non si è piegato ai voleri di uomini malvagi che gestivano (e gestiscono ancora?) malaffare e malavita. Gli presero la vita, rendendolo immortale. I ragazzi di Libera ci hanno invitato per onorare la sua figura e noi ne siamo grati.

Siamo tornati a suonare dal vivo, l’ultima volta che abbiamo tenuto un concerto è stato poco prima del lockdown. Di nuovo, scesi dal palco, è iniziato un nuovo periodo di chiusura.

Questa è la scaletta di questa serata, dove poche parole e molti suoni sono stati il nostro modo di esserci.

In Carpi, the Libera garrison is named after Peppe Tizian, an innocent victim of the mafia, a man of integrity who did not bow to the will of evil men who managed (and still manage?) ill-dealings and underworld. They took his life, making him immortal. The guys from Libera invited us to honor his figure and we are grateful.

We came back to playing live, the last time we held a concert was just before the lockdown. Again, as we got off the stage, a new closing period began.

This is the lineup of this evening, where few words and many sounds have been our way of being there.

La Tenda Live, an unexpected success

Scroll down for English version

Quello di sabato 15 febbraio non è stato solo un concerto. È stato un regalo.

Una data quasi improvvisata senza nessuna aspettativa si è rivelata inaspettatamente la più bella della nostra esperienza. E per questo dobbiamo ringraziare… Ringraziamo Fulvio per averci contattato, Tony per l’accoglienza e i suoni (davvero molto molto bravo), così come tutto lo staff de La Tenda.

Ma la vera sorpresa sono stati i Baffodoro… Il feeling che si è creato con loro fin da subito è stato il reale surplus della serata. Grazie regaz di essere rimasti fino alla fine.

Ringraziamo anche Tinnitus che nonostante il preavviso minimo si è sbattuto per esserci e… Cazzo che foto.

Un ultimo ringraziamento a tutti quelli che sono venuti per ascoltarci, che siano essi amici vecchi o nuovi o semplici curiosi, speriamo possiate esservi divertiti come ci siamo divertiti noi. Grazie di cuore a tutti!

Saturday was not just a concert. It was a gift. An almost improvised date without any expectations turned out to be the most beautiful of our experience. And for this we have to thank …

We thank Fulvio for inviting us, Tony for sound engineering (really very very good), as well as all the staff of La Tenda.

But the real surprise was the Baffodoro… The feeling that was created with them immediately was the real plus of the evening. Thanks dudes for attended until the end.

We also thank Tinnitus. Pics are awesome!

A last thanks to all those who came to listen our music, whether they are old friends or new or just curious, we hope you may have enjoyed it. Many thanks to all!

Ozio e creazione

Scroll down for English version

Nelle ultime settimane, viviamo ogni momento di ozio per andare nell’iperuranio e cercare suoni che ancora non sono nella nostra realtà.

Vorremmo avere più tempo per poter rimanere insieme, chiusi nella stanza liberante, con i nostri strumenti. Ma, fortunatamente, abbiamo anche altri impegni, famiglie, lavori che ci costringono a non rinchiuderci in noi stessi.

Apprezziamo molto questo equilibrio instabile.

Durante questo periodo prolifico, abbiamo anche conosciuto un nuovo amico che è venuto a sbirciare le nostre prove. Con una macchina fotografica ha trovato luci che sembrano suoni, ombre che sembrano chitarre, colori che diventano armonie.

In the last few weeks, we spent every moment of leisure in the hyperuranium and seek for sounds that are not yet in our life.

We’d like to have more time to stay together, in the liberating room, with our guitars and instruments. Luckily, we also have other business, families, jobs that force us not to lock ourselves in ourselves.

We really appreciate this unstable balance.

During this prolific period, we also met a new friend who came to peek at our rehearsals. With a camera he found lights that look like sounds, shadows that look like guitars, colors that become harmonies.