25th October, ATP Music Club

Scroll down for English version

L’ultima data del 2019 è stato un ritornare in uno spazio splendido, uno degli ultimi luoghi dove si osa la musica più avanguardista e indipendente.

Ora torniamo nel silenzio produttivo della sala prove e delle serate tranquille, dove non esiste l’orologio e si ragiona della vita, della morte e del futuro. Per un 2020 coinvolgente.

Our last date of 2019 was a return to a splendid space, one of the last places where is daring the most avant-garde and independent music.

Now let’s return to the productive silence of the rehearsal room and of the quiet evenings, where the clock doen’t exist and we can reason about life, death and the future. For a 2020 full of art.

Pics by Alessandro Brescancin.
Gallery completa

1st December: stop AIDS!

U = U
Undetectable equals Untransmittable

Sono passati 35 anni da quando si è scoperta la correlazione causale tra virus HIV e la malattia AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).
La storia di questa malattia letale è costellata da innumerevoli successi: dopo le prime terapie, si è arrivati alla terapia antiretrovirale ad alta efficacia, poi alle terapie di nuova generazione. Oggi, in Occidente, acquisire il virus HIV non è più una condanna: la vita può continuare normalmente, grazie a farmaci innovativi e con pochissimi effetti secondari.
Non abbiamo un vaccino, vero. Ma negli ultimi 10 anni sono stati fatti ulteriori passi avanti, grazie alla ricerca scientifica e farmaceutica:

  • il più importante in assoluto, è la scoperta che le persone che usano correttamente le terapie, così da riuscire ad azzerare la quantità di virus nel sangue, non possono trasmettere l’infezione attraverso i rapporti sessuali (U = U);
  • la seconda più importante è la PrEP, cioè la “profilassi pre-esposizione”: le persone che si espongono al rischio di acquisire l’HIV possono accedere a una determinata terapia antiretrovirale, così da ridurre praticamente a zero le possibilità di incontrare il virus. La PrEP ha una efficacia pressoché identica a un ottimo vaccino.

Tuttavia, i passi da fare sono ancora tantissimi, in particolare è necessario mantenere elevata l’attenzione dei più giovani e spingere tutti a fare un test di screening per HIV: troppe persone non sanno di avere acquisito il virus e, senza le adeguate terapie, possono perpetuare l’epidemia e mettono in pericolo la propria vita.

Se non avete mai eseguito un test HIV, oggi è la giornata ideale per aggiungerlo ai propositi della settimana: il test è gratuito in tutti i centri di Malattie Infettive.

PS: non dovete credere a quegli stronzi dei negazionisti dell’HIV/AIDS. A causa loro, troppe persone non hanno avuto accesso alle terapie antiretrovirali e sono morte.
PPS: al momento, non abbiamo preservativi da vendere con il nostro merchandise, ma chissà che un giorno…

Festival ad Alta Intensità Antifascista – 1st Sept 2019

Scroll down for English version

Raccontare in poche righe il Festival ad Alta Intensità Antifascista sarebbe estremamente difficile. Sono stati due giorni veramente intensi, dove persone diversissime hanno condiviso idee e pensieri e sogni per un’Italia diversa, migliore, dove non esistono esclusioni. Dove ogni persona è rispettata, dove lo Stato è al servizio di tutti e non solo per alcuni.

Lo abbiamo già scritto più volte: siamo orgogliosi di aver partecipato suonando le nostre idee, la nostra voglia di vivere e i desideri per il mondo dei nostri figli.

Il ricordo del nostro live, preceduto dal punk hardcore dei The Green Bengala, rimane vivo grazie alle foto di Federico.

Talking about the Festival ad Alta Intensità Antifascista in a few lines could be extremely difficult. Two really intense days, where very different people shared ideas and thoughts and dreams for a different, better Italy: a country where people can be accepted without exclusions. Where every person is respected, where the State is at the service of all and not just for some.

We have already written several times: we are proud to have participated playing our ideas, our desire to live, and our dreams for the world of our children.

The memory of our live, preceded by the hardcore punk of The Green Bengala, remains alive thanks to Federico’s photos.